Cocido madrileño - scaldati dentro!
Cocido madrileño - warm up inside!

Se hai intenzione di visitare la capitale spagnola durante i mesi invernali, cosa c'è di meglio che provare uno dei piatti più rappresentativi della sua gastronomia: il "cocido madrileño".
È uno di quei piatti potenti che ti scaldano dentro, ti consolano e ti ricordano quel buon pasto a casa della mamma. Ti rende semplicemente felice!

Il cocido madrileño è uno stufato i cui ingredienti principali sono ceci, varie verdure, carne, pancetta e qualche salsiccia.
Ha origini umili e fu inizialmente mangiato dalle classi inferiori. Ha raggiunto le classi superiori grazie alla sua presenza nei menu dei ristoranti.

Si tratta di un piatto stellato non solo a Madrid, ma anche in tutta la Spagna.

Ogni regione della Spagna ha il suo modo particolare di preparare questo piatto invernale, ma la versione di Madrid è uno dei cocidos più popolari, anche a livello internazionale.
Anche se è un piatto unico, a Madrid e in altre regioni viene servito in tre parti, come se fosse un menù di degustazione. Una volta che tutti gli ingredienti sono cotti, vengono separati e serviti in diversi piatti nel seguente ordine: il primo contiene il brodo risultante dalla cottura di tutti gli ingredienti
il secondo contiene i ceci, le verdure e le patate il terzo contiene la carne

Se volete provare a farlo da soli, questa è una delle ricette suggerite da Spagna Turismo: Ricetta per Cocido Madrileño 

È stato suggerito che questo piatto possa essere direttamente collegato alla cultura ebraica, sia per la curiosa tradizione di servire lo stufato in 'tres vuelcos' (tre portate) sia per la tecnica di cottura lenta utilizzata e, infine, per la presenza dei ceci.

I sefarditi (ebrei precedentemente legati alla penisola iberica) avevano già il loro stufato - La Adafina - un tipo di stufato di ceci e agnello.

Durante il Sabbath (riposo) le regole proibivano rigorosamente di cucinare, quindi c'era l'usanza di mettere tutti gli ingredienti in una pentola d'argilla il venerdì sera e posizionare la pentola strategicamente vicino al fuoco. Quando era il momento di mangiare, il contenuto veniva versato in un piatto e il pasto veniva consumato. Questo effetto di ribaltamento, per evitare il lavoro del sabato, ha dato origine a questa tradizione che continua ancora oggi.

Si crede che l'uso di altri tipi di carne nello stufato non fu un'aggiunta "cristiana", ma che furono i "Marranos" (ebrei convertiti) che iniziarono a introdurre chorizo, pancetta e, soprattutto, sanguinaccio, il tutto per dimostrare la loro conversione ed evitare problemi con l'Inquisizione.

La popolarità di questa tecnica culinaria si diffuse in tutto il territorio durante la Riconquista e lasciò diverse varianti di cocido (stufato). Una delle più conosciute è la Olla podrida, famosa per la sua abbondanza e diversità di ingredienti. Questo piatto divenne così popolare che ha diversi riferimenti letterari durante i secoli XVII e XVIII; tra questi, Sancho Panza lo cita nel romanzo Don Chisciotte della Mancia... Il cocido come lo conosciamo oggi ha le sue radici sia nell'Adafina ebraica che nella Olla podrida castigliana...

Non ti piacerebbe sapere ora dove puoi provare questo squisito stufato? Per il momento non riveleremo questo segreto... ti consigliamo di fare un Bike Tour o noleggiare una bicicletta con Trixi.com e una delle nostre favolose guide ti consiglierà i migliori posti di Madrid.

Fino ad allora godetevi questa canzone tradizionale spagnola che il cantante Pepe Blanco (1911-1981) ha dedicato al "Cocidito Madrileño". Immaginate, se c'è anche una canzone speciale, quanto è importante questa ricetta per la cultura spagnola!

 

Cocido madrileño