Dodici chicchi d'uva fortunati a Capodanno
Buon anno 2021

Perché gli spagnoli finiscono l'anno con una ciotola piena d'uva tra le mani?

La tradizione spagnola dice che per avere 12 mesi di fortuna nel nuovo anno bisogna mangiare 12 acini d'uva esattamente alle 12 della notte del 31 dicembre; inoltre, è importante mangiare un acino d'uva alla volta al suono di ogni campana di mezzanotte.

Pertanto, si consiglia di acquistare uva piccola e di fare attenzione a non soffocare perché abbiamo sentito di alcuni disastri....

Da dove viene questa curiosa tradizione che ogni anno ci pianta davanti a luoghi come la Puerta del Sol di Madrid?
L'uva è il frutto del vino che ha un simbolismo molto importante legato al divino, al mistico e alla vita.

Secondo la mitologia greca, Dioniso (Bacco per i Romani) era il dio del vino. Rappresentava il piacere e la gioia di vivere.
L'uva è anche un simbolo di prosperità, abbondanza e poiché è l'ingrediente di base per essere trasformato in vino... è anche molto legato alla festa e all'unione.  Allora perché non festeggiare il Capodanno con il miglior simbolo di prosperità?

In Spagna, le campane di mezzanotte dell'ultimo giorno dell'anno vengono trasmesse in televisione e tutti sono curiosi di sapere quali presentatori famosi avranno l'onore di moderare la serata - che in realtà è uno spettacolo con musica e danza ecc. Tutti tengono anche d'occhio i vestiti che il giorno dopo criticheranno immediatamente: che la signora mostri troppo decolleté, che il vestito sia troppo trasparente o che sia semplicemente spettacolare!

Per quanto riguarda la storia, la credenza popolare afferma che i dodici acini "fortunati" cominciarono ad essere presi in massa in Spagna la notte di Capodanno del 1909. Un'eccedenza di questo frutto ad Alicante fece sì che i produttori cercassero di aumentare le loro vendite con un'innovativa campagna natalizia che li legava a questa data e alla fortuna. Il vitigno bianco Aledo (Alicante) divenne sinonimo di Capodanno e la sua vendita in confezioni da dodici già preparate per il consumo l'ultimo giorno dell'anno divenne popolare.

Tuttavia, esistono documenti e prove documentali che questa usanza era già praticata in precedenza, quindi è molto probabile che l'eccedenza del 1909 sia servita solo ad ampliare la tradizione, non a crearla. La comparsa di questa pratica si trova a Madrid nel 1880 come azione satirica e di protesta.

I chulapos, che erano stati privati del loro divertimento natalizio, decisero di approfittare del fatto che era loro permesso riunirsi alla Puerta del Sol per ascoltare i rintocchi dell'orologio la notte di Capodanno e cominciarono a mangiare uva (un prodotto economico per l'epoca) come beffa dell'usanza aristocratica e come segno di protesta contro alcune restrizioni del consiglio comunale.

Nel corso degli anni la tradizione si è diffusa in altri paesi.
Oggi, proprio come in Spagna - Cile, Ecuador, Perù e Venezuela prendono dodici acini d'uva al ritmo delle dodici campane che danno il benvenuto al prossimo anno.

Assicuratevi quindi di avere l'uva in tempo per Capodanno e guardate la trasmissione televisiva delle campane della Puerta del Sol, che si trova proprio dietro l'angolo del nostro negozio Trixi.

Feliz Año Nuevo!!!

Trixi.comScopri l'affascinante storia di Madrid nei nostri tour in bicicletta. Ascolta le leggende e le storie della città mentre esplori gli angoli e i luoghi nascosti. Impara di più sulla cultura, la storia, la politica e le tradizioni della Spagna dalla guida esperta locale del tour.